“La saggezza è lasciar crescere ciò che nasce,
gustare ciò che è maturo
e lasciar perdere ciò che è morto.”
[Keshavjee S.]

*NUOVA USCITA*

*BEST SELLER*

Da non perdere

* Per psicologi e psicoterapeuti

* Per tutte le professioni sanitarie

* Aforismi terapeutici

* Aforismi e metafore

Il narcisista in azione: lo schema del silenzio

Continua da Il narcisista in azione: i quattro schemi della ricattura della vittima”

Lo schema del silenzio. Quando la preda si ribella al giogo della dipendenza affettiva esasperata dal dolore e piegata dall’evidenza, la prima mossa del narcisista perverso è restare immobile.

Conosce la vittima, sa che non riuscirà a svignarsela così facilmente, la immagina spesso a ragione arrovellarsi nell’ossessione, consumarsi in pianti, soffrire al punto che tornerà più “innamorata” che mai.

Inoltre, la tentata evasione del/la partner comporta per l’aguzzino sentimentale il vantaggio secondario di prendersi una pausa da una relazione che sentiva già “troppo impegnativa” e dedicarsi alla sua attività preferita senza complicazioni: trastullare se stesso.

Il narcisista perverso ha un senso del tempo decisamente lato: se per la sua “vittima” un’ora è un secolo, per lui settimane sono niente ed è, per questo, abile nell’arte dell’attesa come un ragno delicatamente addormentato sulla sua tela.

Lo schema del silenzio è sempre il piano A. Non comporta alcuna sofferenza per il narcisista, anzi, costituisce un gioco divertente che culmina nel ritorno della pecorella all’ovile che, così, alimenta il suo sentimento del potere.

Mentre l’altro/a si dibatte in un dolore assoluto, il narcisista ricorda un rettile freddo e distaccato in grado di sopravvivere senza cibarsi per settimane, matematicamente certo che il silenzio gli renda giustizia e renderà la vittima ancora più debole e disponibile al sopruso.

Esperto predatore, il narcisista perverso sa bene inoltre che la partner non lo lascerà del tutto a digiuno: guarderà la sua pagina su Facebook, gli invierà messaggi indiretti, gli invierà al culmine della disperazione un sms o un biglietto paradossale come “ho deciso di non farmi più sentire da te”!

Se poi, la strategia del silenzio non funzionasse, c’è il piano B: lo schema della colpevolizzazione.

[continua nei prossimi giorni]

***

Per approfondimenti:

Enrico Maria Secci, “I narcisisti perversi e le unioni impossibili”. In cartaceo e in digitale in tutti gli store online. Best-seller su Amazon, Internet Bookshop e Kobobooks. Disponibile presso 4500 librerie, compresi i negozi Feltrinelli, Giunti e Mondadori.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *