“La saggezza è lasciar crescere ciò che nasce,
gustare ciò che è maturo
e lasciar perdere ciò che è morto.”
[Keshavjee S.]

*NUOVA USCITA*

*BEST SELLER*

Da non perdere

* Per psicologi e psicoterapeuti

* Per tutte le professioni sanitarie

* Aforismi terapeutici

* Aforismi e metafore

Il narcisista Dorian Gray

Nel 1979 il sociologo statunitense Christopher Lash pubblicò il discusso saggio “La cultura del narcisismo” in cui allertava la società americana sulla diffusione di massa del narcisismo e sulle sue conseguenze sulla collettività. Mai come oggi, la controversa analisi di Lush sull’individualismo esasperato, il culto del corpo, l’ossessione per il sesso e per il successo, il terrore della morte e la caduta di valori come solidarietà, empatia e senso di responsabilità suona come una profezia.

Il narcisismo si è trasformato in un autentico modello culturale, viene incoraggiato, elogiato e veicolato con la diffusione virale di immagini e messaggi attraverso i mass media che, in modo palese o occulto, esaltano incessantemente la bellezza fisica, la cura maniacale dell’apparenza e la sessualità come panacee universali per la felicità. Continua a leggere

Quando l’amore ti spezza il cuore per davvero: La sindrome di Takotsubo




La sindrome di Takotsubo è un’alterazione cardiaca correlata al trauma affettivo  e allo stress prolungato che ne deriva. Individuato negli anni ’90 da ricercatori giapponesi, questo disturbo prende il nome da uno strumento per la pesca del polpo, il takotsubo, perché il cuore dei pazienti “ammalati d’amore” subisce una deformazione che ricorda la tipica forma di questa particolare trappola ittica.

Mediante risonanza magnetica è stato evidenziato che a seguito di lutti, delusioni o abbandoni sentimentali il muscolo cardiaco può subire un pericoloso cambiamento a carico del ventricolo sinistro, con conseguenze potenzialmente letali, come infarto e angina pectoris. Continua a leggere


La narcisista perversa


Il narcisismo patologico femminile presenta tratti e modalità differenti dal narcisismo maschile e per questo risulta meno riconoscibile.
La spavalderia e l’arroganza, la distruttività e la propensione al tradimento e alla menzogna tipiche del narcisista in un quadro di grandiosità quasi sempre palese, quindi facilmente individuabile, sono aspetti presenti nel narcisismo femminile, ma mimetizzati accuratamente in una cornice di finta amabilità, integrità morale e gentilezza. Continua a leggere

Il magico potere dell’addio

Un giorno sorriderai. Lo specchio ti piacerà, ti piacerà riconoscerti nella tua natura
speciale di essere umano. Smetterai di voler essere qualcun altro, o qualcos’altro. E quel giorno non temerai se per caso dovessi sbagliare una
parola, né tremerai all’idea del tempo che passa.

Supererai il tormento della perfezione e godrai di ogni istante, incondizionatamente.

Un giorno saprai accarezzarti, saprai confortarti e con la stessa mano potrai annullare i pensieri infestanti e sospingerli abilmente nella categoria dell’inutilità da cui provengono. Un giorno apprezzerai il modo in cui guardi il mondo, e
potrai presentarti agli altri con amore.

Quel giorno potrai ricercare l’amore, con incondizionata serenità. Senza alcuna vergogna.

Rimuovi l’abitudine a procrastinare, l’evitamento,
l’ipercriticismo. Con consapevolezza, sciogli i grovigli dell’abitudine e dell’amarezza.
Perdona, soprassiedi, esplora il sentimento della compassione.

Sperimenta il magico potere dell’addio.

… e fai pace con te stesso, soprattutto.
Niente più che il tuo conflitto interiore può allontanarti dal tuo equilibrio e limitare la tua felicità.

Lo sai? Quel giorno potrebbe essere oggi.

Enrico Maria Secci

Gli uomini amano poco. Amore, coppia, dipendenza

Gli uomini amano poco – Amore, coppia, dipendenza spiega i processi psicologici e relazionali che possono trasformare un rapporto sentimentale in una trappola emotiva.

Chi sono il narcisista perverso, l’uomo diviso, l’indifferente sessuale, il possessivo distruttivo, l’inquisitrice, la romantica tradita, la seduttrice impenitente, la martire familiare e gli altri protagonisti inconsapevoli della dipendenza affettiva descritti in questo libro? Perché “amano poco”? Come riconoscerli e come evitarli?

Attraverso casi clinici e storie di vita, il libro si concentra su come spezzare gli schemi della dipendenza affettiva e su come sviluppare relazioni durevoli e soddisfacenti al riparo dai circoli viziosi della “malattia dell’amore”.

Dopo il successo de I narcisisti perversi e le unioni impossibili, un altro libro di Enrico Maria Secci che specifica la psicologia e la psicopatologia dell’amore con stile, profondità ed efficacia.

 

 

 

Terroristi emotivi. Riconoscerli e sconfiggerli

Ci sono uomini che entrano nella vita delle donne e le distruggono. Non importa quanto esse siano forti e quanto intenso sia il loro amore, né che impegnino tutte se stesse nella relazione: quando l’altro mette in gioco meccanismi psicologici incentrati sul controllo e sulla svalutazione non ci sono strategie per salvarsi diverse dalla fuga.

Questi uomini trascinano le loro vittime in una guerriglia psicologica che a volte dura anni e che causa la progressiva demolizione dell’autostima e della capacità di comprendere ciò che sta accadendo al di là del codice malato della relazione. Sono donne rudere, donne relitto, donne sfiancate e terrorizzate dalle continue esplosioni del partner, dalle sue sparizioni mimetiche e dai suoi assalti che sembrano non seguire uno schema mentre perseguono una precisa strategia bellica. 

Continua a leggere

L’amore malato è il contrario delle favole: come il narcisista vede la sua vittima e come va a finire




Se la vittima di un narcisista perverso potesse vedere se stessa con gli occhi dell’altro tutto sarebbe più facile. Una visione terrifica e sconsolante ha il potere di milioni di parole, ma purtroppo la dipendenza affettiva è soprattutto un gioco di parole, un tragico cabaret di travisamenti, di fraintendimenti, di mezze verità e di truismi disperanti. Una dimensione psicologica insonorizzata, dove le voci degli altri, comprese quelle degli psicoterapeuti, arrivano attutite, esili come l’ovatta che colpisce un muro.

Continua a leggere


Gli innumerevoli ritorni del narcisista perverso




La relazione narcisistica è governata dal possesso e non dall’amore, per questo il narcisista ha bisogno di tornare dalla vittima mosso dalla necessità di riconfermare la propria influenza su di essa e assicurarsi che non gli sia sfuggita. Può farlo a distanza di giorni, di settimane, di mesi o di anni dalla fine della relazione, ma lo farà sempre e, quasi sempre, i suoi ritorni sconcerteranno l’ex partner e sortiranno un effetto paralizzante sulla vita affettiva della preda.
Continua a leggere