“La saggezza è lasciar crescere ciò che nasce,
gustare ciò che è maturo
e lasciar perdere ciò che è morto.”
[Keshavjee S.]

*NUOVA USCITA*

*BEST SELLER*

Da non perdere

* Per psicologi e psicoterapeuti

* Per tutte le professioni sanitarie

* Aforismi terapeutici

* Aforismi e metafore

Psicologia. Come aiutare un amico, un partner o un parente a lasciarsi aiutare da uno psicologo

È difficile restare indifferenti alla sofferenza psicologica di un parente o di un amico. All’inizio può capitare di considerarla un fatto transitorio e di minimizzarla con una chiacchierata confortante piena dei consigli del comune buon senso. Così, le persone vicine a chi vive un forte disagio emotivo ed esistenziale si accorgono della portata reale del problema quando si é ormai tradotto in sintomi che compromettono in modo più o meno marcato l’equilibrio e il funzionamento individuale e richiedono un aiuto specialistico.

Continua a leggere

Gli aforismi terapeutici

“Amare Vivere Guarire – Aforismi terapeutici” è uscito ed è disponibile all’acquisto

Puoi già trovarlo con sconti sino al 20% in tutti i formati su Amazon, Ibs, Apple Store, Kobo e in 4500 librerie in Italia (su ordinazione) compresi i negozi dei circuiti Feltrinelli, Mondadori e Giunti e in oltre 50 Paesi.

A Cagliari “Amare Vivere Guarire …” è disponibile presso la libreria Mieleamaro, via Manno.

Puoi leggere la presentazione e acquistarlo subito direttamente dal distributore:

https://www.youcanprint.it/auto-aiuto-generale/amare-vivere-guarire-aforismi-terapeutici-9788827861325.html

Il narcisista nascosto o “covert”



L’immagine del narcisista bello e di successo, grandioso, affascinante, seduttivo e irresistibile è uno stereotipo sociale diffuso che intercetta le caratteristiche più evidenti del narcisismo patologico e le organizza in una rappresentazione iper-semplificata di questo disturbo della personalità. Perciò è facile credere che il narcisista sia un soggetto palesemente pericoloso e che solo qualche sprovveduta/o possa, per ingenuità o per ostinazione dovute a una propria fragilità preesistente, lasciarsi ammaliare e poi ammalarsi d’amore. Continua a leggere


La dipendenza affettiva genitori-figli (seconda parte)

Continua da “La dipendenza affettiva genitori-figli (prima parte)”

Ansietà e pessimismo

In genitore dipendente tende a credere che il mondo sia una valle di lacrime, un luogo pericoloso per se stesso e per la prole, dove è meglio recarsi il meno possibile. L’atteggiamento verso l’esterno è di diffidenza. Questo genitore si comporta come se gli altri lo giudicassero continuamente, perciò cerca di mantenere un atteggiamento condiscendente, a volte un po’ affettato, per evitare le critiche altrui. In realtà egli stesso è iper-critico, perfezionista, esigente. Queste caratteristiche lo rendono ansioso, insicuro e suscettibile.

E’ chiaro che i presupposti “il mondo è una valle di lacrime” e “gli altri sono cattivi ed egoisti” in base ai quali il genitore dipendente filtra la propria esperienza esistenziale, non fanno che giustificare la scelta di chiudersi all’interno del nucleo familiare e di dedicarsi completamente alla protezione della prole.

L’atteggiamento nei confronti del figlio è contraddittorio. Da una parte, il genitore dipendente richiede totale abnegazione, manifesta ansietà quando rimane da solo e, ogni volta che il figlio prende iniziative autonome, lo ammonisce sui pericoli del mondo; contemporaneamente, però, sollecita di continuo il figlio a uscire di casa, a rendersi autonomo, a cercasi degli amici, e così via. Questo doppio messaggio finisce per paralizzare il ragazzo. Infatti, se rimane accanto al genitore, viene rimproverato severamente per la sua mancanza di autonomia; se, viceversa, esce di casa, prende iniziative proprie, gli viene detto che sbaglia, che è approssimativo, che le cose non si fanno in quel modo. I doppi messaggi confezionano trappole relazionali perfettamente efficienti, macchine creatrici di disagio psicologico anche profondo.

Problemi significativi col coniuge

La dipendenza da un figlio serve spesso a mascherare altri problemi familiari, in particolare a compensare mancanze affettive nella relazione tra i coniugi. Le madri dipendenti hanno rapporti estremamente freddi col marito, verso il quale tengono un atteggiamento svalutante. Non di rado, il coniuge risponde con un comportamento complementare, assumendo un ruolo subordinato.

In molti casi di dipendenza parentale, la coppia genitoriale ha intrapreso un percorso di separazione e di divorzio traumatico e conflittuale; in altri uno dei genitori è mancato tragicamente, lasciando a quello rimasto in vita il compito di crescere i figli. Le due situazioni hanno un tratto comune, che sembra facilitare lo sviluppo di una dipendenza affettiva: la frustrazione dovuta alla carenza di un rapporto di coppia stabile e soddisfacente. Tale frustrazione viene canalizzata sul figlio, che si trova sovraccaricato di attenzioni e di aspettative spesso irrealistiche.

I genitori dipendenti conducono un’esistenza interamente centrata sul nucleo familiare, con pochi rapporti esterni, scarso o nessun interesse differente dal figlio. La vita sessuale è limitata o assente anche nel caso di coppie integre.

Rigidità morale

Per limitare il costante senso di insicurezza e di ansietà che lo caratterizza, il genitore dipendente costruisce una rappresentazione estremamente semplificata della realtà, tracciando confini molto rigidi tra ciò che è “giusto” e ciò che “è sbagliato”, ciò che è “bene” e ciò che è “male”, tra ciò che “si deve fare” e ciò che “è proibito fare”. Ne deriva un atteggiamento complessivo giudicante, teso alla costante ricerca degli errori da correggere e nella condanna di chi li compie. Non di rado questa modalità di pensiero è associata a un sentimento religioso di tipo esclusivo, integralista, che influenza le aspettative verso i figli.

Ai figli si richiede una totale corrispondenza al modello “giusto”, opponendo un fermo rifiuto a qualunque deviazione dalla norma imposta. Così a volte, il sintomo di un figlio viene costruito inconsciamente come “scialuppa di salvataggio” per fuggire dalle stringenti aspettative del padre o della madre senza esserne perseguitato o vivere un eccessivo senso di colpa.

Ansietà, pessimismo, problemi col coniuge e rigidità morale sono alcune delle molle che stabilisco il circolo vizioso della dipendenza verso un figlio. I principali segnali dell’esistenza di tale disfunzione sono generalmente noti e riconosciuti da tutti i membri della famiglia, dai parenti, dagli amici. Il genitore direttamente interessato è spesso il solo a negare la presenza del problema.

La dipendenza genitore-figlio è sempre basata su presupposti inconsapevoli del genitore, presupposti reiterati continuamente nella quotidiana evoluzione del figlio e che finiscono per renderlo fragile e, a propria volta, patologicamente dipendente dal genitore.

“Senza di me, chissà che ti succede”

Il genitore dipendente è afflitto da un sentimento di ansietà e da preoccupazione quando il figlio è assente.

Cerca di gestire questi vissuti mediante attività di controllo sul figlio, attuate, per esempio, telefonandogli più volte al giorno. Il messaggio nascosto e inconscio che giunge al figlio è che il genitore stia male se il figlio si allontana troppo. Ne deriva, da parte di quest’ultimo, la tendenza a sentirsi a disagio e persino angosciato ogni volta che si trova fuori casa o non può mettersi immediatamente in contatto col genitore.

“In fondo, non mi fido di te”

I genitori dipendenti tendono a non fidarsi dei figli, a considerarli fragili e manipolabili dagli altri. Per questo motivo, spesso il genitore contatta segretamente amici del figlio per chiedere loro informazioni sulle sue attività. Il grado di intromissione del genitore nella vita del figlio è elevatissimo, e può arrivare a situazioni paradossali: gli amici del figlio si trasformano in confidenti e spie del genitore.

“Lascia, faccio io”

E’ il messaggio che cela dietro un velo di altruismo insano la tendenza a sostituire il figlio nello svolgimento di incombenze che implicherebbero l’assunzione di responsabilità dirette (per esempio, prender appuntamenti per visite specialistiche, iscriversi in palestra).

Nelle situazioni peggiori, il genitore arriva a pianificare minuziosamente ogni attività, compresa la ricerca di un lavoro o di un compagno/a adatti al figlio. Purtroppo, nessun genitore è davvero onnipotente, così i figli di genitori dipendenti falliscono spessissimo sia nelle relazioni amorose che nella vita professionale.

“Tu non vali abbastanza”

Consiste nella ripetuta svalutazione del figlio e delle cose che fa. E’ un meccanismo molto sottile e inconscio, volto ad alimentare la dipendenza perché suscita nel figlio un sentimento di insicurezza e di fragilità, sentimento che lo porta a chiedere il sostegno continuo della famiglia e a evitare qualunque iniziativa esterna.

“Nessun segreto tra di noi”

La pretesa di “sapere tutto” del figlio, conoscerne gli amici, ottenere informazioni dettagliate sulla sua vita più intima è indubbiamente uno dei segnali più chiari di patologia relazionale genitore e figlio. Quando il figlio è all’interno di questo circuito psicologico finisce per rinunciare completamente all’autonomia, ad avere un lavoro, degli amici che sente tali, una vita di coppia e una sessualità. Infatti, poiché non possono esseri segreti, pur di non trovasi nell’imbarazzo di raccontare la propria intimità al genitore o di evitare il senso di colpa derivante dalla trasgressione della regola “nessun segreto tra noi” i figli presi dalla dipendenza affettiva abdicano completamente dalla normalità.

Enrico Maria Secci, Blog Therapy

La dipendenza genitori-figli (prima parte)

Quando si parla di dipendenze affettive di solito ci si riferisce alle relazioni di coppia e, in effetti, in letteratura questo tema è stato esplorato soprattutto nell’ambito dei rapporti tra adulti eterosessuali. Perciò altri tipi di dipendenza affettiva sono poco conosciuti, come la dipendenza patologica tra genitori e figli, che è una delle forme di addiction relazionali più insidiose e resistenti all’intervento psicoterapeutico.

Innanzitutto, una diagnosi di “dipendenza affettiva da genitore o da figlio” non esiste nella psichiatria e nella psicopatologia ufficiali. Quasi sempre, chi patisce questo tipo di problema chiede aiuto a uno specialista solo quando il disturbo si è tradotto in un linguaggio compatibile con quello medico, ovvero è diventato “depressione”, “ansia”, “anoressia”, bulimia”, “fobia e/o compulsione”. Come si riscontra in tutte le altre dipendenze, comprese quelle da sostanze, chi sperimenta una dipendenza affettiva da un genitore o da un figlio tende a negare di avere un problema e si oppone all’aiuto esterno sino allo stremo delle forze. Solo l’emergere di una patologia riconoscibile porta la questione della disfunzione affettiva all’attenzione degli specialisti, e ciò accade tardivamente, quando la dipendenza ha acquisito il totale controllo del comportamento, dei pensieri e delle emozioni dei soggetti che coinvolge.

Più di quanto si verifichi nella dipendenza amorosa, nella dipendenza affettiva parentale i “malati” sono sempre almeno due: madre e figlia o figlio e, meno di frequente, padre-figlia/a. In alcuni casi la dipendenza può coinvolgere l’intera triade padre-madre-figlio/a, tutti inconsapevolmente fautori di un circolo vizioso. I due o più individui soggetti a questo tipo di legame, senza rendersene conto e spinti dalle migliori intenzioni, cooperano nella costruzione di un labirinto che imprigiona tutti, ma chi si richiede un supporto psicoterapeutico è di solito il figlio/a.

Il genitore co-dipendente, invece, tende, nel peggiore dei casi, a rifiutare l’aiuto, a svalutarlo o denigrare apertamente la validità o l’utilità di un supporto professionale; nel migliore dei casi, il genitore co-dipendente “si allea” col terapeuta per “aiutarlo” nella cura del figlio malato, nel tentativo inconscio di sostituirsi allo specialista così da evitarne l’aiuto. Entrambi gli atteggiamenti del genitore dipendente hanno lo scopo di negare la propria partecipazione allo schema problematico e, soprattutto, di occultare il proprio problema: la dipendenza dal figlio/a.

Un figlio che dipende affettivamente dalla madre o dal padre spesso esprime solo una parte di difficoltà ben più ampie e di più lungo corso, relative alla storia dei genitori, al rapporto che essi hanno con le famiglie d’origine e al sistema di valori a cui si riferiscono. I genitori dipendenti, al di là della specificità del singolo caso, sono accomunati da un complesso di convinzioni, emozioni e comportamenti:

  1. ansietà e pessimismo;
  2. seri problemi nella relazione col coniuge;
  3. rigidità morale.

Enrico Maria Secci, Blog Therapy
Riproduzione risevata

Continua nei prossimi giorni – Segui Blog Therapy su Facebook

Il Narcisismo spiegato attraverso il fiore del narciso

Il narcisismo come tratto della personalità e come tendenza patologica è stato descritto per la prima volta nel 1892 dallo psicoanalista Havelock Ellis. Come scrivo nel mio libro “I narcisisti perversi e le unioni impossibili”, Ellis si riferì esplicitamente al mito greco di Narciso per descrivere l’autoerotismo e grazie a questa potente intuizione spianò la strada agli studi successivi sulla specifica ed enigmatica modalità affettiva del narcisismo resa famosa da Freud e, oggi, tema centrale nella ricerca sulle dipendenze affettive e sui disturbi relazioni. Continua a leggere

Ribellarsi al narcisista perverso

Pensare alla dipendenza affettiva come a un disturbo della personalità è un errore. È riduttivo e miope riportare il dramma relazionale dell’amore dipendente a una disfunzione intra-psichica che condanna alla sottomissione, alla rassegnazione e all’infelicità donne e uomini dall’affettività esasperata e ammalata in un momento della propria esistenza adulta, per colpa loro.

Perché esistono persone sane, dall’identità integra ed integrata che collassano quando incontrano un narcisista patologico e sperimentano, di colpo, depressione, umiliazione, angoscia e furore, al netto di un traumatismo infantile presunto, che non si ravvede nelle loro storie di vita e che, comunque, non allevia in nessun caso il dramma della manipolazione, della violenza psicologica e del danno esistenziale che travolge ingiustamente chi meriterebbe rispetto, comprensione e aiuto. E non certo abbisogna di etichette psichiatriche. Continua a leggere

Psico-tecniche d’interazione col paziente (e non solo)

Con grande piacere comunico che il libro “La Comunicazione Strategica nelle professioni sanitarie” è fuori nella nuova edizione cartacea in tutte le librerie on-Line e presto nell’esclusivo formato ebook (ePub o PDF) al prezzo speciale di 6,99. Cercalo su Amazon, IBS, Bookrepublic, La Feltrinelli e lo scarichi in pochi click. Sul sito ebookecm.it è disponiblie un’anteprima davvero interessante

Indispensabile per i professionisti della salute è anche un agile manuale sulle tecniche di comunicazione e la sua riedizione elettronica è diventata il primo corso accredito ecm dal Ministero della Salute con 20 crediti nell’ambito di un progetto unico e innovativo, il portale ebookecm.it

 

https://www.amazon.it/comunicazione-strategica-professioni-Psicotecniche-dinterazione/dp/8831600095/

Film “Il piccolo Principe”: un omaggio all’amore originario

Più che un film tratto dal capolavoro di Antoine de Saint-Exupéry, al cinema “Il piccolo Principe” è un’opera di animazione ispirata alla favola moderna più letta del mondo.

Infatti, il regista Mark Osborne (già autore di Kung fu Panda) ha narrato l’epopea senza tempo del Principe attraverso la storia di una bambina che vive da sola con la madre -i genitori sono separati- in un grigio e iper-razionale quartiere dormitorio per manager dei giorni nostri.

Le vicende della piccola e del suo incontro col bizzarro aviatore vicino di casa – proprio Antoine de Saint-Exupéry da vecchio, che le svela poco a poco la fiaba del Piccolo Principe-,  sono nel film come la preziosa montatura di un gioiello, in cui la fiaba originale è incastonata come un diamante. Continua a leggere



Grazie!

4366390 di visualizzazioni su Blog Therapy